chiesa di santa maria di castello

Suggerimenti per 1 chiesa da visitare

Arrivando a Genova non si può non suggerire ai suoi visitatori un percorso storico religioso di scoperta delle sue Chiese e Basiliche, sicuramente meno note della superba Cattedrale di San Lorenzo, che svetta imponente nella omonima via, simbolo e fiore all’occhiello del capoluogo ligure, ma altrettanto stimolante e scrigno di rara bellezza.

Chiesa del Gesù e dei Santi Ambrogio e Andrea

È sita nella storica piazza Matteotti a due passi dal Palazzo Ducale.

Il suo nucleo primitivo risale al VI secolo, quando a seguito delle persecuzioni Longobarde, il clero milanese dovette trasferirsi a Genova. Qui vi fondò una chiesa dedicata a Sant’Ambrogio, che rimase attiva anche dopo il ritorno del Vescovo a Milano, al cessare delle persecuzioni, grazie alla presenza di numerosi milanesi in città.

Nel 1552 la Chiesa venne ceduta ai Gesuiti, che la ristrutturarono completamente dandogli la connotazione che ancora oggi ne fanno la culla del barocco genovese.

Sono presenti all’interno della Chiesa del Gesù opere d’arte di notevole spessore: dagli affreschi dei fratelli genovesi Battista e Carlone, raffiguranti storie della vita di Cristo e della Vergine e autori anche del Trionfo del nome di Cristo nella cupola principale e degli Evangelisti, sino a La Circoncisione di Rubens, datata nel 1608. Sull’altare maggiore è possibile ammirare anche La strage degli innocenti di Battista Merano e Fuga in Egitto di Piola.

Le quattro grandi statue sono invece opera dello scultore Francesco Biggi.

Proseguendo nel nostro giro tra le bellezze artistico religiose site tra il centro e il centro storico della città arriviamo nel quartiere del Molo

La chiesa di Santa Maria di Castello

La Chiesa di Santa Maria di Castello è uno dei luoghi più antichi del culto cristiano a Genova.

La tradizione racconta della costruzione di un primo luogo di culto mariano già nel 658, per volere del re longobardo Ariperto.

Arroccato in cima ad una collina e vicina al castello del vescovo, poté godere di una notevole sicurezza al riparo delle scorrerie saracene. Anche la presenza della famiglia Embriaci, una potente famiglia feudale da cui nacquero alcuni dogi di Genova e l’eroe delle crociate Guglielmo Embriaco, assicurò prosperità a quest’area della nascente città.

La chiesa attuale venne consacrata nel 1237 dal patriarca di Gerusalemme, Geroldo di Losanna, e ceduta all’ordine domenicano nel 1441 che la tenne fino al 2015.

Con l’arrivo dei domenicani la Chiesa venne ampliata con la realizzazione dei tre chiostri e della sacrestia. Subì però anche dei danni, prima nel 1684 a causa di un bombardamento navale francese e poi durante la Seconda guerra mondiale.

Restaurata una prima volta alla fine del conflitto, fu oggetto di risistemazione nei primi anni del nascente secolo.

Al suo interno troviamo un corredo artistico pittorico da Lorenzo Fasolo, con la sua Madonna col Bambino, al cremonese Francesco Boccaccino autore di Il crocefisso parla a San Pietro martire e del Miracolo di San Pietro.

Particolare il Cristo Moro un crocifisso ligneo di rara fattura risalente al 300 di cui si ignora l’autore, che possiamo ammirare addossato a un pilastro nei pressi del nuovo altare.

Queste alcune delle opere ma, in realtà, la chiesa di Santa Maria di Castello è un forziere di opere d’arte custodite fra le sue navate.

Dove alloggiare

Distante poco meno di un chilometro dal centro città e a un centinaio di metri dalla stazione ferroviaria di Brignole, Urban Flora è il luogo perfetto per poterti godere pienamente quando abbiamo descritto.

Da noi vivrai un’esperienza dal look scandinavo-moderno, in cui piante fresche e piacevoli ti faranno godere del massimo relax possibile e per una vacanza indimenticabile. Tutte le stanze prevedono un bagno privato, smart tv ed una connessione Wi-Fi gratuita che ti farà sentire proprio come a casa tua. Prenota adesso la tua stanza oppure contattaci per chiederci più informazioni

Altri
articoli

genova

10 cose da vedere a Genova

Costruita tra mari e monti, Genova è una città ricca di storia, luoghi e monumenti da visitare.
Dal faro simbolo della città fino ai palazzi che ospitavano personaggi illustri nel XVI secolo, in questo articolo scoprirai quali sono le 10 cose da vedere a Genova.

superba

Genova, superba per uomini e per mura

Come una terra di mezzo che abbraccia mare e monti, Genova si è guadagnata svariati soprannomi nel corso della sua storia. Tra i tanti, “la Superba” è certamente l’appellativo più conosciuto della città ligure, assegnatole da Francesco Petrarca nel lontano 1358

relitti in liguria

Relitti in Liguria: fascino e mistero

I conflitti che si sono succeduti ha trasformato il Mar Ligure in un enorme teatro per numerosi e meravigliosi relitti che ora, grazie alle moderne attrezzature e tecniche subacquee, è possibile ammirare nel loro indubitabile fascino.

carnevale e maschere tradizionali

Carnevale 2024 e le maschere tradizionali genovesi

Il carnevale con le sue maschere tradizionali, i suoi colori e il forte rumore avessero avuto in origine lo scopo di scacciare le forze delle tenebre e l’inverno, e di aprire la strada per l’arrivo della primavera. Anticamente, il carnevale genovese era più chiassoso ed anche più irriverente di quello veneziano.

galeone

Pirati a Genova: il Galeone al Porto Antico

In uno dei luoghi più interessanti da visitare a Genova, il Porto Antico, dove l’azzurro del mare si infrange contro gli edifici vecchi e nuovi della città che, in un armonioso gioco di colori, si confondono in tutta la costa ligure, è ormeggiata una vera e propria nave pirata: il Galeone Neptune.