rolli

Rolli Days 2024: “Genova giardino d’Europa”

Dopo l’edizione autunnale, tornano a Genova, dal 17 al 19 maggio, i Rolli Days, giornate nelle quali sarà possibile ammirare, gratuitamente, in tutto il loro splendore, i sontuosi palazzi in stile Rinascimentale e Barocco divenuti patrimonio dell’Umanità dell’Unesco nel 2006.

Quest’anno i Rolli Days avranno come filo conduttore le visite ai grandi giardini che circondavano queste splendide dimore e che costituivano, per le famiglie nobili che passavano in questi luoghi il loro periodo di villeggiatura, un ´locus amoenus” dove potersi dedicare al riposo.

Rolli: origine del nome

Tra il 1400 e il secolo successivo, i nobili genovesi fanno progettare e costruire delle residenze lussuosissime a dimostrazione della agiatezza e magnificenza delle loro famiglie.

I palazzi dei Rolli sono quindi la testimonianza e la documentazione fisica della Genova del “Secolo d’oro”: una Genova fatta di armatori, banchieri e mercanti capaci di mantenere una predominanza politico-commerciale su tutto il Mar Mediterraneo.

La città si arricchisce di splendide facciate, di grandiosi giardini con fontane e ninfee, di sontuosi saloni affrescati o con appesi alle pareti pregiate collezioni di quadri e specchi.

Nel 1576 un Decreto del Senato istituì un elenco di questi palazzi e obbligò i proprietari ad ospitare ricchi e prestigiosi visitatori della città. Le dimore venivano quindi catalogate, i cosiddetti “bussoli”, a seconda del grado di sfarzosità e di bellezza, ed assegnate in ragione dell’importanza dell’ospite:

  • viceré, cardinali e principi nel 1° bussolo;
  • feudatari e governatori nel 2° bussolo;
  • principi e ambasciatori nel 3° bussolo.

Nel 1622, Peter Paul Rubens, celebre pittore fiammingo, pubblica ad Anversa il libro “Palazzi di Genova” che illustra, con sui disegni, prospetti e sezioni, le più importanti residenze aristocratiche della città che lui considera il più elegante modello per la residenza del perfetto gentiluomo europeo.

I palazzi dei Rolli

In uno dei nostri precedenti articoli, abbiamo già illustrato quelli che riteniamo i cinque più bei palazzi da visitare in occasione dei Rolli Days. Grazie a questo link potete rileggere la loro descrizione.

La novità di questa edizione dei Rolli Days

Quest’anno l’edizione dei Rolli Days sarà in sinergia con le manifestazioni sportive legate a Genova capitale europea dello sport 2024. Dal dal 2 maggio saranno infatti aperte le prenotazioni per la “Rolli Run”, corsa non competitiva che, partendo da piazza Fontane Marose domenica 19 maggio alle 10, permetterà a sportivi e famiglie, di correre o camminare lungo le principali strade su cui si affacciano i gloriosi palazzi.

Fra le antiche dimore nobiliari che saranno aperte nei giorni dei Rolli Days: Palazzo Baldassarre Lomellini, Palazzo Ambrogio Di Negro, Palazzo Cattaneo Della Volta, Palazzo Giacomo Lomellini Patrone, Villa Centurione del Monastero, Albergo dei Poveri, Palazzo Spinola Doria, Palazzo Antonio Doria Spinola, Palazzo Franzone Spinola, Palazzo Tobia Pallavicini, Villa del Principe, Palazzo Gio. Battista Centurione Pitto, la Biblioteca Berio, i Palazzi di Strada Nuova (Palazzo Rosso, Palazzo Bianco, Palazzo Tursi), i musei di Palazzo Spinola e Palazzo Reale, i palazzi dell’Università in via Balbi e molti altri ancora.

APP Palazzi dei Rolli Genova e sito internet

Può essere scaricata gratuitamente la nuova app sui Palazzi dei Rolli (su Apple Store (versione IOS) “App Palazzi dei Rolli Genova” mentre su Google Play Store (versione Android) “Genova Rolli”). Potrete navigare, anche in realtà aumentata, tra i 42 palazzi, con schede di approfondimento, consultando la mappa interattiva e individuando gli eventi collaterali legati alle giornate dei Rolli Days.

Se invece volete approfondire la conoscenza di questi gioielli tramite internet, potete consultare il sito ufficiale: https://www.rolliestradenuove.it/

Da giovedì 2 maggio è possibile prenotare la propria visita tramite questo link.

Dopo la registrazione, gli utenti potranno prenotare le decine tra palazzi, ville e chiese cittadine negli orari indicati in questa pagina web.

Dove alloggiare

Distante poco meno di un chilometro dal centro città e a un centinaio di metri dalla stazione ferroviaria di Brignole, Urban Flora è il luogo perfetto per poterti godere pienamente una visita alla nostra città.

Da noi vivrai un’esperienza dal look scandinavo-moderno, in cui piante fresche e piacevoli ti faranno godere del massimo relax possibile e per una vacanza indimenticabile. Tutte le stanze prevedono un bagno privato, smart tv ed una connessione Wi-Fi gratuita che ti farà sentire proprio come a casa tua. Prenota adesso la tua stanza oppure contattaci per chiederci più informazioni.

Altri
articoli

rolli

Rolli Days 2024: “Genova giardino d’Europa”

Dopo l’edizione autunnale, tornano a Genova, dal 17 al 19 maggio, i Rolli Days, giornate nelle quali sarà possibile ammirare, gratuitamente, in tutto il loro splendore, i sontuosi palazzi in stile Rinascimentale e Barocco divenuti patrimonio dell’Umanità dell’Unesco nel 2006.

michele novaro

Il mistero Michele Novaro

“Artefice di possenti armonie”: si può leggere questa definizione sulla tomba di Michele Novaro, l’autore di una delle musiche più familiari agli italiani, il nostro Inno Nazionale.
Il suo nome però fu da sempre oscurato e quasi dimenticato a differenza di quello di Goffredo Mameli, che invece viene puntualmente ricordato quando si parla del “Canto degli Italiani” di cui compose le parole.

nicolo paganini

Nicolò Paganini, il violinista del diavolo

Nicolò Paganini è universalmente riconosciuto come uno dei più grandi violinisti di tutti i tempi e una figura chiave nella storia della musica.
La sua vita e la sua musica sono avvolte da un’aura di mistero e fascino, con racconti che mescolano genio musicale e leggende.

forti di genova

Genova, città di mura e di Forti

Ricca di caruggi e palazzi storici, Genova è una città che nei suoi colli è circondata dal Parco delle Mura, un’area naturale protetta che ospita diverse specie rare di animali, e da un gran numero di forti eretti intorno al Seicento per proteggere la città.
In questo articolo scopriamo quali sono i forti di Genova e la loro storia.

leggende genovesi

Leggende e miti genovesi

Affascinanti leggende genovesi avvolgono la città della Superba come un velo di mistero: si nascondono tra le sue bellissime piazzette, tra i caruggi.