passeggiata anita garibaldi

La passeggiata Anita Garibaldi

La passeggiata Anita Garibaldi, o passeggiata di Nervi, è uno dei luoghi più spettacolari che la nostra città riesca a regalarci. È la cifra paesaggistica per eccellenza di Genova, ma anche dell’intera Liguria, come terra stretta tra i monti ed il mare.

La passeggiata misura due chilometri circa: la si può quindi percorrere senza fatica anche grazie alla sua ottima pavimentazione e alla presenza di numerose panchine che vengono in soccorso a quelli un po’ meno allenati.

È incantevole da fare in tutti i periodi dell’anno grazie al microclima mite di Nervi, assistendo ad albe e tramonti indimenticabili, ma soprattutto in autunno e inverno quando il sole tramonta sul mare. Ma non sono solo gli occhi gli organi di senso che vengono appagati, perché, appena lasciato il porticciolo di Nervi, si viene subito investiti anche dal profumo del mare e poi da quello dei roseti e dalle piante del vicino parco.

La storia della Passeggiata Anita Garibaldi

Sembra che un modesto ed accidentato sentiero esistesse già all’alba del XIX secolo, usato principalmente dai pescatori, che dovevano raggiungere le varie insenature tra rocce sottostanti per andare a pescare, ma anche da contadini che si recavano negli loro orti a picco sul mare.

Nel 1862 il Marchese di Gropallo, innamorato del suggestivo paesaggio, fece avviare i lavori per la costruzione di una vera e propria passeggiata a mare. Inizialmente divisa in due tronconi, perché al centro era presente la villa privata Grimaldi Fassio poi venduta al comune di Genova ed annessa al parco di Nervi, fu intitolata fino al 1944 alla “Principessa di Piemonte”.

Durante il breve periodo della Repubblica Sociale Italiana si deliberò un cambio di nome in “passeggiata X Flottiglia MAS”, ma con la caduta del regime fascista venne dedicata alla memoria di Anita, moglie dell’eroe dei due mondi Giuseppe Garibaldi.

Cosa incontriamo durante la passeggiata

Lungo il percorso della passeggiata Anita Garibaldi si incontra la Torre Gropallo, una volta nota come Torre del Fieno e risalente alla metà del Cinquecento. Era conosciuta con questo nome perché sul suo tetto si bruciava il fieno che serviva a segnalare pericoli imminenti a chi stava in mare. Era parte di un sistema difensivo, comprendente anche il Castello sovrastante il porticciolo, costruito per via dell’intensificarsi degli attacchi da parte dei corsari di Dragut.

La Torre Gropallo, acquistata dal Comune di Genova nel 1936, già sede della Lega Navale Italiana, ospita attualmente la sezione di Nervi dell’Associazione Nazionale Alpini.

Dal sentiero della passeggiata Anita Garibaldi è possibile accedere ad uno dei più forniti e verdi complessi botanici d’Italia, i Parchi di Nervi. All’interno di questa vastissima area verde sono presenti più di 100 specie botaniche: flora mediterranea, piante esotiche e piante tropicale, riunite in un’unica cornice in cui la natura e l’architettura si sposano dando vita ad un paesaggio colorato, profumato e che ti rapirà.

Arrivati all’estremità di levante della passeggiata Anita Garibaldi, alla marina di Capolungo, e risalendo una piccola crosa, via Bonanno, si arriva alla vecchia stazione di S.Ilario, celebre perché citata da Fabrizio de Andrè nella canzone “Bocca di Rosa”: “..….la chiamavano Bocca di Rosa metteva l’amore sopra a ogni cosa. Appena scesa alla stazione del paesino di Sant’Ilario tutti s’accorsero con uno sguardo che non si trattava d’un missionario…”

Dove alloggiare

Distante poco meno di un chilometro dal centro città e a un centinaio di metri dalla stazione ferroviaria di Brignole, Urban Flora è il luogo perfetto per poterti godere pienamente quando abbiamo descritto. Da noi vivrai un’esperienza dal look scandinavo-moderno, in cui piante fresche e piacevoli ti faranno godere del massimo relax possibile e per una vacanza indimenticabile. Tutte le stanze prevedono un bagno privato, smart tv ed una connessione Wi-Fi gratuita che ti farà sentire proprio come a casa tua. Prenota adesso la tua stanza oppure contattaci per chiederci più informazioni

Altri
articoli

genova

10 cose da vedere a Genova

Costruita tra mari e monti, Genova è una città ricca di storia, luoghi e monumenti da visitare.
Dal faro simbolo della città fino ai palazzi che ospitavano personaggi illustri nel XVI secolo, in questo articolo scoprirai quali sono le 10 cose da vedere a Genova.

superba

Genova, superba per uomini e per mura

Come una terra di mezzo che abbraccia mare e monti, Genova si è guadagnata svariati soprannomi nel corso della sua storia. Tra i tanti, “la Superba” è certamente l’appellativo più conosciuto della città ligure, assegnatole da Francesco Petrarca nel lontano 1358

relitti in liguria

Relitti in Liguria: fascino e mistero

I conflitti che si sono succeduti ha trasformato il Mar Ligure in un enorme teatro per numerosi e meravigliosi relitti che ora, grazie alle moderne attrezzature e tecniche subacquee, è possibile ammirare nel loro indubitabile fascino.

carnevale e maschere tradizionali

Carnevale 2024 e le maschere tradizionali genovesi

Il carnevale con le sue maschere tradizionali, i suoi colori e il forte rumore avessero avuto in origine lo scopo di scacciare le forze delle tenebre e l’inverno, e di aprire la strada per l’arrivo della primavera. Anticamente, il carnevale genovese era più chiassoso ed anche più irriverente di quello veneziano.

galeone

Pirati a Genova: il Galeone al Porto Antico

In uno dei luoghi più interessanti da visitare a Genova, il Porto Antico, dove l’azzurro del mare si infrange contro gli edifici vecchi e nuovi della città che, in un armonioso gioco di colori, si confondono in tutta la costa ligure, è ormeggiata una vera e propria nave pirata: il Galeone Neptune.