Pandolce Genovese

Pandolce Genovese: dal ‘500 il nostro dolce natalizio

Non se ne abbiano a male gli amici milanesi, ma il Pandolce Genovese, dolce tipico di Genova e della Liguria del periodo natalizio, ha una origine molto più antica.

La storia del Pandolce Genovese

Nato probabilmente in Egitto o nell’antica Persia, dove era tradizione che al sovrano venisse proposto il primo giorno dell’anno un grande pane dolce a base di canditi, miele e mele da dividere fra i suoi commensali, grazie ai rapporti commerciali con la nascente repubblica genovese diede ispirazione ai suoi pasticceri.

Secondo una leggenda, fu un doge, o Andrea Doria ammiraglio della Repubblica di Genova, nel ‘500, a bandire un concorso tra i maestri pasticceri di Genova. La gara era quella di creare un dolce nutriente, che potesse essere conservato a lungo e per questo adatto ai viaggi per mare ma anche rappresentativo della ricchezza di Genova. Si potrebbe sorridere a questa affermazione, ma bisogna pensare che, ad esclusione di Venezia o di Bisanzio (l’odierna Istanbul), non erano molte le città in Europa sulle cui tavole si potevano gustare canditi, uvetta e frutta secca.

Da quel concorso in poi, il Pandolce Genovese fece la sua comparsa nelle tavole delle famiglie genovesi.

Pandolce Genovese

Tradizione nel servire il Pandolce Genovese

Tradizionalmente il Pandolce Genovese veniva servito a tavola, privato del sovrastante e beneaugurante ramoscello di alloro, dal più giovane della famiglia. Quest’ultimo lo offriva per il taglio al capofamiglia che ne offriva una fetta per l’assaggio a chi lo aveva cucinato (che nella maggior parte delle volte era la madre). Prima che il Pandolce venisse poi tagliato per gli altri commensali, venivano conservate due fette: la prima per il primo povero che avrebbe suonato alla porta ed un’altra per il giorno di San Biagio (3 febbraio), protettore della gola.

Il Pandolce Genovese nel mondo

Il Pandolce genovese, a seconda del Paese in cui è consumato, ha assunto altri nomi: dal “Pan do bambin” sanremese, al “Londra cake” o “Genoa cake” britannici, fino al “Selkirk Bannock”, una versione scozzese molto apprezzata dalla Regina Vittoria. Si tratta quest’ultima di una varietà spugnosa e burrosa di torta di frutta, a base di farina di grano e contenente una grande quantità di uva passa. Quando la regina Vittoria visitò Sir Walter Scott, a Abbotsford in Scozia, si dice che abbia preso il suo tè con una fetta di Selkirk Bannock. Oggi i Bannocks Selkirk sono popolari in tutta la Gran Bretagna.

Ingredienti e preparazione del Pandolce Genovese

Tradizionalmente di forma circolare, si distingue per due formati: quello alto e quello basso. Storicamente la prima versione è la alta, lievitata naturalmente e con tempi di preparazione più lunghi. La versione bassa è invece più moderna, creata con l’introduzione di lieviti chimici e molto più veloce nell’essere preparata.

Gli ingredienti di cui è composto sono: farina, burro, anice, lievito, uva sultanina, zibibbo, zucca candita, cedro candito, pinoli, acqua di bergamotto e semi di finocchio.

Se anche a te piace vivere il Natale coltivando le tradizioni, che sono un tesoro inestimabile per ogni popolo, puoi provare a creare il Pandolce Genovese seguendo le indicazioni di questo link.

Se invece hai in programma una visita a Genova durante le festività natalizie, non dimenticare di gustare questo ottimo e tipico dolce.

Dove alloggiare

Distante poco meno di un chilometro dal centro città e a un centinaio di metri dalla stazione ferroviaria di Brignole, Urban Flora è il luogo perfetto per poterti godere pienamente l’atmosfera del Natale a Genova.

Da noi vivrai un’esperienza dal look scandinavo-moderno, in cui piante fresche e piacevoli ti faranno godere del massimo relax possibile e per una vacanza indimenticabile. Tutte le stanze prevedono un bagno privato, smart tv ed una connessione Wi-Fi gratuita che ti farà sentire proprio come a casa tua. Prenota adesso la tua stanza oppure contattaci per chiederci più informazioni.

Altri
articoli

genova

10 cose da vedere a Genova

Costruita tra mari e monti, Genova è una città ricca di storia, luoghi e monumenti da visitare.
Dal faro simbolo della città fino ai palazzi che ospitavano personaggi illustri nel XVI secolo, in questo articolo scoprirai quali sono le 10 cose da vedere a Genova.

superba

Genova, superba per uomini e per mura

Come una terra di mezzo che abbraccia mare e monti, Genova si è guadagnata svariati soprannomi nel corso della sua storia. Tra i tanti, “la Superba” è certamente l’appellativo più conosciuto della città ligure, assegnatole da Francesco Petrarca nel lontano 1358

relitti in liguria

Relitti in Liguria: fascino e mistero

I conflitti che si sono succeduti ha trasformato il Mar Ligure in un enorme teatro per numerosi e meravigliosi relitti che ora, grazie alle moderne attrezzature e tecniche subacquee, è possibile ammirare nel loro indubitabile fascino.

carnevale e maschere tradizionali

Carnevale 2024 e le maschere tradizionali genovesi

Il carnevale con le sue maschere tradizionali, i suoi colori e il forte rumore avessero avuto in origine lo scopo di scacciare le forze delle tenebre e l’inverno, e di aprire la strada per l’arrivo della primavera. Anticamente, il carnevale genovese era più chiassoso ed anche più irriverente di quello veneziano.

galeone

Pirati a Genova: il Galeone al Porto Antico

In uno dei luoghi più interessanti da visitare a Genova, il Porto Antico, dove l’azzurro del mare si infrange contro gli edifici vecchi e nuovi della città che, in un armonioso gioco di colori, si confondono in tutta la costa ligure, è ormeggiata una vera e propria nave pirata: il Galeone Neptune.